Recensione a: «Fedeli, diligenti, chiari e dotti». Traduttori e traduzione nel Rinascimento