Sull’analogia tra relazioni matematiche e relazioni economiche