Il sublime della notte nel pensiero VIII di Vincenzo Monti