L’infinito della lingua: la retorica e lo scarto della parola