Testualità ibrida del dock-film. Derrida, i pesci, il deserto