Commento all'articolo "Suscettibilità alle ricadute e cronicità nei disturbi affettivi" di Giovanni A. Fava