«Contratti di scambio» e negozi regolamentari in Italia e in Spagna