Segno e intenzionalità: alcune note per un confronto fra Peirce e Husserl