Centrando la propria analisi sul saggio introduttivo de "Il teatro e il suo doppio" di Antonin Artaud, "Il teatro e la cultura", l'articolo enuclea le nozioni antropologiche in esso contenute, in particolare quelle di "totem" e "mana", per chiarire da un lato il debito di Artaud nei confronti della cultura etnologica dell'epoca (in buona parte mediata attraverso l'ambiente surrealista e le sue propaggini), dall'altro la particolare declinazione o deformazione che tali concetti assumono nella teatrologia artaudiana, in funzione di una teoria del segno efficace e di una visione del teatro come luogo di manifestazione del doppio.

Il totem e il suo doppio

PASQUALICCHIO, Nicola
2004

Abstract

Centrando la propria analisi sul saggio introduttivo de "Il teatro e il suo doppio" di Antonin Artaud, "Il teatro e la cultura", l'articolo enuclea le nozioni antropologiche in esso contenute, in particolare quelle di "totem" e "mana", per chiarire da un lato il debito di Artaud nei confronti della cultura etnologica dell'epoca (in buona parte mediata attraverso l'ambiente surrealista e le sue propaggini), dall'altro la particolare declinazione o deformazione che tali concetti assumono nella teatrologia artaudiana, in funzione di una teoria del segno efficace e di una visione del teatro come luogo di manifestazione del doppio.
artaud; teatro e antropologia; artaud e il surrealismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/627555
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact