Le “modificazioni soggettive” del contratto di rete: spunti di riflessione