Partendo da alcune vicende avvenute nella Trento dei secoli XVII-XVIII, l’articolo si propone di esaminare il rilevante ruolo svolto dalle confraternite, nello specifico quella della Battuti laici e della Misericordia, nell’eseguire gli atti di ultima volontà. I testatori che erano privi di discendenti o che non volevano tenerli in considerazione, infatti, spesso affidavano alle confraternite la responsabilità di ottemperare alle loro disposizioni testamentarie e di difenderle da eventuali parenti insoddisfatti.

In difesa delle ultime volontà. Testamenti e confraternite a Trento tra XVII e XVIII secolo

GARBELLOTTI, Marina
2013

Abstract

Partendo da alcune vicende avvenute nella Trento dei secoli XVII-XVIII, l’articolo si propone di esaminare il rilevante ruolo svolto dalle confraternite, nello specifico quella della Battuti laici e della Misericordia, nell’eseguire gli atti di ultima volontà. I testatori che erano privi di discendenti o che non volevano tenerli in considerazione, infatti, spesso affidavano alle confraternite la responsabilità di ottemperare alle loro disposizioni testamentarie e di difenderle da eventuali parenti insoddisfatti.
testamenti; confraternite; età moderna
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/612355
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact