Si analizza l'intervento di Brioloto sulla facciata della chiesa di San Zeno Maggiore a Verona, caratterizzato dall'innalzamento della stessa e dall'apertura del grande rosone. Quest'ultimo elemento architettonico viene considerato nelle sue caratteristiche costruttive e per i rilievi che lo decorano, i quali danno vita ad una "ruota della Fortuna". Infine, si individuano somiglianze con altre opere veronesi dello scorcio del XII secolo.

Il rosone della chiesa di San Zeno Maggiore a Verona. Alcune considerazioni

MUSETTI, Silvia
2013

Abstract

Si analizza l'intervento di Brioloto sulla facciata della chiesa di San Zeno Maggiore a Verona, caratterizzato dall'innalzamento della stessa e dall'apertura del grande rosone. Quest'ultimo elemento architettonico viene considerato nelle sue caratteristiche costruttive e per i rilievi che lo decorano, i quali danno vita ad una "ruota della Fortuna". Infine, si individuano somiglianze con altre opere veronesi dello scorcio del XII secolo.
rosoni; San Zeno; ruota della Fortuna; Brioloto; architettura medievale; scultura medievale; cariatidi Castelvecchio; plinto con figura virile Castelvecchio; Leno
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/574950
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact