La sentenza della Cassazione 10 febbraio 2009, n. 3251, per cui non spetta ai sindaci alcuna valutazione discrezionale nell'adempimento del dovere di rapporto di cui all'art. 149, comma 3, t.u.f. in caso di riscontrate irregolarità, è l'occasione per rilevare come il collegio sindacale sia oggi organo finalizzato alla tutela di interessi pubblicistici. L'assenza di discrezionalità in capo ai sindaci nella determinazione delle irregolarità da comunicare alla Consob e nella valutazione della gravità delle medesime parrebbe deporre per la riduzione del collegio sindacale ad un mero organo istruttorio della Consob, all'interno di un procedimento pubblicistico.

La responsabilità dei sindaci per omessa comunicazione alla Consob

MAROCCHI, Marco
2010

Abstract

La sentenza della Cassazione 10 febbraio 2009, n. 3251, per cui non spetta ai sindaci alcuna valutazione discrezionale nell'adempimento del dovere di rapporto di cui all'art. 149, comma 3, t.u.f. in caso di riscontrate irregolarità, è l'occasione per rilevare come il collegio sindacale sia oggi organo finalizzato alla tutela di interessi pubblicistici. L'assenza di discrezionalità in capo ai sindaci nella determinazione delle irregolarità da comunicare alla Consob e nella valutazione della gravità delle medesime parrebbe deporre per la riduzione del collegio sindacale ad un mero organo istruttorio della Consob, all'interno di un procedimento pubblicistico.
controlli; responsabilità; collegio sindacale; dovere di informativa; art. 149 t.u.f.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/510804
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact