Nessuna pietà per il piccolo Tim. Hocquenghem, Edelman e la questione del futuro