Le lesioni ateromastiche della carotide extracranica riconoscono nella endoarteriectomia un metodo di trattamento che risquote ampio consenso ed è oggi caratterizzato da bassa mortalità e morbilità. Abbiamo studiato 43 pazienti, sottoposti a tale intervento chirurgico nell'ambito di un programma di follow-up con metodica non invasiva (Duplex Scanner). L'ipertensione arteriosa è apparsa il fattore di rischio più rappresentativo nella nostra casistica ( 87%) seguita da dislipidemia (42%) e diabete (35%). Sono state analizzate l'area dell'intervento le zone immediatamente adiacenti per controllare i caratteri della riendotellizzazione e per svelare un'eventuale restenosi. Abbiamo inoltre considerato il tipo e l'entità delle lesioni ateromastiche nell'asse carotideo controlaterale: questew erano presenti in 36 pazienti, 2 dei quali presentavano occlusione completa. in 11 casi ( 30 %) la placca esibiva un aspetto fortemente irregolare ed in 5 di essi abbiamo risocntrato un classico cratere ulceroso. Questi dati preliminari indicano l'indagine ecografica B-mode ad alta risoluzione un valido presidio nello studio longitudinale di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia carotidea, inoltre soottolineano l'importanza della correlazione dei fattori di rischio di ordine generale per il mantenimento dei rsultati positivi ottenuti.

Valutazione ecografica (Duplex Scanner) della carotide extracranica in pazienti sottoposti ad intervento di endoarteriectomia

AROSIO, Enrico;PANCERA, Paolo;MONTESI, Germana;ROSSI, MAURIZIO;SCURO, Alberto;LECHI, Alessandro
1987

Abstract

Le lesioni ateromastiche della carotide extracranica riconoscono nella endoarteriectomia un metodo di trattamento che risquote ampio consenso ed è oggi caratterizzato da bassa mortalità e morbilità. Abbiamo studiato 43 pazienti, sottoposti a tale intervento chirurgico nell'ambito di un programma di follow-up con metodica non invasiva (Duplex Scanner). L'ipertensione arteriosa è apparsa il fattore di rischio più rappresentativo nella nostra casistica ( 87%) seguita da dislipidemia (42%) e diabete (35%). Sono state analizzate l'area dell'intervento le zone immediatamente adiacenti per controllare i caratteri della riendotellizzazione e per svelare un'eventuale restenosi. Abbiamo inoltre considerato il tipo e l'entità delle lesioni ateromastiche nell'asse carotideo controlaterale: questew erano presenti in 36 pazienti, 2 dei quali presentavano occlusione completa. in 11 casi ( 30 %) la placca esibiva un aspetto fortemente irregolare ed in 5 di essi abbiamo risocntrato un classico cratere ulceroso. Questi dati preliminari indicano l'indagine ecografica B-mode ad alta risoluzione un valido presidio nello studio longitudinale di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia carotidea, inoltre soottolineano l'importanza della correlazione dei fattori di rischio di ordine generale per il mantenimento dei rsultati positivi ottenuti.
Endoarteriectomia carotidea; Riendotelizzazione; DUPLEX SCANNER
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1987 Min Ang Arosio.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 369.21 kB
Formato Adobe PDF
369.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/496351
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact