Morte dell’animale di affezione e tutela risarcitoria: è ancora uno scontro tra diritto e sentimento?