Per un'ermeneutica del riconoscimento