La pala dello “Schivenoglia” di Barbasso e alcune note sul collezionismo bazzaniano