Premessa. Il carcinoma pancreatico infiltra frequentemente la vena porta e/o mesenterica superiore. La resezione pancreatica combinata a resezione vascolare di vena porta e/ o mesenterica superiore rappresenta in questi casi un trattamento potenzialmente curativo, ma allo stesso tempo ancora molto controverso. Metodi. Tramite ricerca computerizzata, sono stati selezionati 12 articoli, pubblicati nel periodo compreso fra Gennaio 2000 e Marzo 2008. La popolazione risultante era costituita da 399 pazienti sottoposti a resezione pancreatica associata a resezione vascolare per adenocarcinoma duttale della testa del pancreas. Sono stati esaminati i dati riguardanti la selezione preoperatoria, l'intervento, le terapie adiuvanti, l'istopatologia degli specimen resecati, i risultati perioperatori e la sopravvivenza a distanza. Inoltre, è stata esaminata anche la Letteratura antecedente il periodo preso in considerazione. Risultati. I tassi di mortalità operatoria e morbidità postoperatoria si variano nei diversi articoli rispettivamente da 0 a 7,7% e da 16,7% a 54%. La sopravvivenza media è compresa da 13 a 22 mesi. La percentuale di sopravvivenza a 5 anni va dal 9% al 18 %. Conclusioni. La Letteratura corrente suggerisce che la resezione pancreatica combinata ad una resezione vascolare rappresenta un'operazione valida e sicura, che aumenta il numero di pazienti sottoposti a intervento curativo e quindi fornisce importanti benefici, in termini di sopravvivenza, a selezionati gruppi di pazienti. Questa procedura, in assenza di altre controindicazioni alla resezione, dovrebbe sempre essere presa in considerazione, nel caso in cui si sospetti un coinvolgimento da parte del tumore di vena porta e/o mesenterica superiore, al fine di ottenere margini di resezione negativi.

L’infiltrazione vascolare della vena porta e/o mesenterica superiore è ancora segno di non resecabilità chirurgica nelle neoplasie del pancreas ?

LIPARI, GIOVANNI;BASSI, Claudio;BAGGIO, Elda
2011

Abstract

Premessa. Il carcinoma pancreatico infiltra frequentemente la vena porta e/o mesenterica superiore. La resezione pancreatica combinata a resezione vascolare di vena porta e/ o mesenterica superiore rappresenta in questi casi un trattamento potenzialmente curativo, ma allo stesso tempo ancora molto controverso. Metodi. Tramite ricerca computerizzata, sono stati selezionati 12 articoli, pubblicati nel periodo compreso fra Gennaio 2000 e Marzo 2008. La popolazione risultante era costituita da 399 pazienti sottoposti a resezione pancreatica associata a resezione vascolare per adenocarcinoma duttale della testa del pancreas. Sono stati esaminati i dati riguardanti la selezione preoperatoria, l'intervento, le terapie adiuvanti, l'istopatologia degli specimen resecati, i risultati perioperatori e la sopravvivenza a distanza. Inoltre, è stata esaminata anche la Letteratura antecedente il periodo preso in considerazione. Risultati. I tassi di mortalità operatoria e morbidità postoperatoria si variano nei diversi articoli rispettivamente da 0 a 7,7% e da 16,7% a 54%. La sopravvivenza media è compresa da 13 a 22 mesi. La percentuale di sopravvivenza a 5 anni va dal 9% al 18 %. Conclusioni. La Letteratura corrente suggerisce che la resezione pancreatica combinata ad una resezione vascolare rappresenta un'operazione valida e sicura, che aumenta il numero di pazienti sottoposti a intervento curativo e quindi fornisce importanti benefici, in termini di sopravvivenza, a selezionati gruppi di pazienti. Questa procedura, in assenza di altre controindicazioni alla resezione, dovrebbe sempre essere presa in considerazione, nel caso in cui si sospetti un coinvolgimento da parte del tumore di vena porta e/o mesenterica superiore, al fine di ottenere margini di resezione negativi.
Neoplasia Pancreas; Infiltrazione vascolare; Vena Porta; Vena Mesenterica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/476624
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact