Introduzione.Numerosi studi indicano che le madri in interazione con bambini con ritardo o disturbo del linguaggio sostengono la maggior parte del carico conversazionale, utilizzano più enunciati direttivi e rivolgono più domande chiuse, rispetto alle madri di bambini con sviluppo linguistico tipico (Conti-Ramsden, 1990; Evans, Schmidt, 1991; Hammett, Van Kleeck, Huberty, 2003). La questione aperta relativa all’efficacia vs. inadeguatezza di questi comportamenti materni nel sostenere la comunicazione del bambino necessita di estendere l’analisi all’influenza dei comportamenti infantili su quelli materni, come indicato dall’approccio che sottolinea la reciprocità dell’influenza nell’interazione. In proposito, uno studio recente (Vander Woude, Barton, 2003) suggerisce che le differenze riscontrate nell’input comunicativo delle madri dei bambini con ritardo/disturbo del linguaggio potrebbero essere in parte ricondotte alla necessità di stimolare e correggere le risposte infantili. In effetti, gli studi focalizzati sulla partecipazione alla conversazione di questi bambini indicano una minore responsività rispetto ai coetanei con sviluppo linguistico tipico (Bishop, Chan, Adams, Hartley, Weir 2000; Hadly, Rice, 1991). Tuttavia, gli studi che adottano una prospettiva bidirezionale nell’indagare l’efficacia delle strategie conversazionali materne con i bambini con ritardo o disturbo specifico del linguaggio sono ancora scarsi. Il presente lavoro approfondisce l’analisi dell’influenza reciproca tra gli enunciati materni finalizzati a correggere le risposte dei bambini (riparazioni correttive) con ritardo/disturbo specifico del linguaggio (R/DSL) e la responsività infantile durante l’attività di lettura congiunta. Lo studio si propone i seguenti obiettivi: (1) Esaminare eventuali differenze significative nelle caratteristiche delle risposte infantili e delle riparazioni materne tra le diadi con bambini con R/DSL vs. le diadi con bambini con sviluppo linguistico tipico. (2) Esaminare l’efficacia delle riparazioni materne nel promuovere la partecipazione attiva e appropriata dei bambini con R/DSL.Metodo.Hanno partecipato alla ricerca 30 bambini d’età prescolare e le loro madri: (a) 10 bambini con ritardo/disturbo specifico del linguaggio di tipo espressivo (età media: 55ms; range: 42ms-64ms); (b) 10 bambini con sviluppo linguistico tipico appaiati ai primi per età cronologica (età media: 52ms; range: 46ms-60ms, 1° gruppo di confronto); 10 bambini con sviluppo linguistico tipico appaiati ai primi per LME in parole (età media: 34ms; range: 24ms-39ms ; 2° gruppo di confronto). Ogni diade madre-bambino è stata videoregistrata durante 4 sessioni di lettura congiunta a casa, con libri di immagini (descrittivi e narrativi) non familiari. Le conversazioni sono state trascritte secondo il sistema del Child Language Data Exchange (Mac Whinney 1991). I fase: nel flusso della conversazione sono state individuate le sequenze “domanda materna-risposta infantile-valutazione materna (riparazione o validazione). II fase: le risposte infantili sono state codificate secondo 4 categorie (assente, inadeguata, minima, adeguata) sulla base dell’appropriatezza del contenuto e della produttività; le riparazioni materne sono state codificate come: diretta (contiene la risposta attesa) vs. indiretta, contingente vs. non contingente, corregge struttura vs. contenuto. Le categorie delle risposte infantili e delle riparazioni materne si basano rispettivamente sui lavori di Bishop et al. (2000) e di Vander Woude e Barton (2001). Risultati.In relazione al primo obiettivo, l’analisi della responsività infantile mostra che i bambini con R/DSL producono un numero piú elevato di risposte inadeguate rispetto ai coetanei con sviluppo linguistico tipico. A fronte di questo dato, emerge che le madri di questi bambini utilizzano piú riparazioni dirette e contingenti rispetto alle madri dei bambini della stessa età con sviluppo linguistico tipico. Al contrario, le strategie riparative delle madri dei bambini con R/DSL non differiscono significativamente da quelle delle madri dei bambini appaiati per LMEp. Questi dati supportano l’ipotesi del feedback linguistico come determinante degli aggiustamenti conversazionali materni (Cross, Nienhuys, Kirkman, 1985) e suggeriscono che i tipi di riparazione utilizzati dalle madri dei bambini con R/DSL sono un probabile aggiustamento in relazione alle competenze comunicative e linguistiche infantili. In relazione al secondo obiettivo, l’analisi delle contingenze interattive (GSEQ, Bakeman, Quera, 1996) tra le riparazioni materne e le risposte infantili mostra che le riparazioni dirette sono le uniche seguite in modo significativo da risposte appropriate da parte dei bambini con R/DSL. Nell’insieme, questi risultati documentano che durante la lettura congiunta le madri dei bambini con R/DSL utilizzano strategie di riparazione più supportive rispetto alle madri dei coetanei con sviluppo linguistico tipico, ma queste strategie sono funzionali a sollecitare la partecipazione appropriata dei bambini con R/DSL.

Le risposte infantili e le riparazioni materne durante la lettura congiunta con bambini con ritardo/disturbo specifico del linguaggio

BARACHETTI, Chiara;LAVELLI, Manuela
2008-01-01

Abstract

Introduzione.Numerosi studi indicano che le madri in interazione con bambini con ritardo o disturbo del linguaggio sostengono la maggior parte del carico conversazionale, utilizzano più enunciati direttivi e rivolgono più domande chiuse, rispetto alle madri di bambini con sviluppo linguistico tipico (Conti-Ramsden, 1990; Evans, Schmidt, 1991; Hammett, Van Kleeck, Huberty, 2003). La questione aperta relativa all’efficacia vs. inadeguatezza di questi comportamenti materni nel sostenere la comunicazione del bambino necessita di estendere l’analisi all’influenza dei comportamenti infantili su quelli materni, come indicato dall’approccio che sottolinea la reciprocità dell’influenza nell’interazione. In proposito, uno studio recente (Vander Woude, Barton, 2003) suggerisce che le differenze riscontrate nell’input comunicativo delle madri dei bambini con ritardo/disturbo del linguaggio potrebbero essere in parte ricondotte alla necessità di stimolare e correggere le risposte infantili. In effetti, gli studi focalizzati sulla partecipazione alla conversazione di questi bambini indicano una minore responsività rispetto ai coetanei con sviluppo linguistico tipico (Bishop, Chan, Adams, Hartley, Weir 2000; Hadly, Rice, 1991). Tuttavia, gli studi che adottano una prospettiva bidirezionale nell’indagare l’efficacia delle strategie conversazionali materne con i bambini con ritardo o disturbo specifico del linguaggio sono ancora scarsi. Il presente lavoro approfondisce l’analisi dell’influenza reciproca tra gli enunciati materni finalizzati a correggere le risposte dei bambini (riparazioni correttive) con ritardo/disturbo specifico del linguaggio (R/DSL) e la responsività infantile durante l’attività di lettura congiunta. Lo studio si propone i seguenti obiettivi: (1) Esaminare eventuali differenze significative nelle caratteristiche delle risposte infantili e delle riparazioni materne tra le diadi con bambini con R/DSL vs. le diadi con bambini con sviluppo linguistico tipico. (2) Esaminare l’efficacia delle riparazioni materne nel promuovere la partecipazione attiva e appropriata dei bambini con R/DSL.Metodo.Hanno partecipato alla ricerca 30 bambini d’età prescolare e le loro madri: (a) 10 bambini con ritardo/disturbo specifico del linguaggio di tipo espressivo (età media: 55ms; range: 42ms-64ms); (b) 10 bambini con sviluppo linguistico tipico appaiati ai primi per età cronologica (età media: 52ms; range: 46ms-60ms, 1° gruppo di confronto); 10 bambini con sviluppo linguistico tipico appaiati ai primi per LME in parole (età media: 34ms; range: 24ms-39ms ; 2° gruppo di confronto). Ogni diade madre-bambino è stata videoregistrata durante 4 sessioni di lettura congiunta a casa, con libri di immagini (descrittivi e narrativi) non familiari. Le conversazioni sono state trascritte secondo il sistema del Child Language Data Exchange (Mac Whinney 1991). I fase: nel flusso della conversazione sono state individuate le sequenze “domanda materna-risposta infantile-valutazione materna (riparazione o validazione). II fase: le risposte infantili sono state codificate secondo 4 categorie (assente, inadeguata, minima, adeguata) sulla base dell’appropriatezza del contenuto e della produttività; le riparazioni materne sono state codificate come: diretta (contiene la risposta attesa) vs. indiretta, contingente vs. non contingente, corregge struttura vs. contenuto. Le categorie delle risposte infantili e delle riparazioni materne si basano rispettivamente sui lavori di Bishop et al. (2000) e di Vander Woude e Barton (2001). Risultati.In relazione al primo obiettivo, l’analisi della responsività infantile mostra che i bambini con R/DSL producono un numero piú elevato di risposte inadeguate rispetto ai coetanei con sviluppo linguistico tipico. A fronte di questo dato, emerge che le madri di questi bambini utilizzano piú riparazioni dirette e contingenti rispetto alle madri dei bambini della stessa età con sviluppo linguistico tipico. Al contrario, le strategie riparative delle madri dei bambini con R/DSL non differiscono significativamente da quelle delle madri dei bambini appaiati per LMEp. Questi dati supportano l’ipotesi del feedback linguistico come determinante degli aggiustamenti conversazionali materni (Cross, Nienhuys, Kirkman, 1985) e suggeriscono che i tipi di riparazione utilizzati dalle madri dei bambini con R/DSL sono un probabile aggiustamento in relazione alle competenze comunicative e linguistiche infantili. In relazione al secondo obiettivo, l’analisi delle contingenze interattive (GSEQ, Bakeman, Quera, 1996) tra le riparazioni materne e le risposte infantili mostra che le riparazioni dirette sono le uniche seguite in modo significativo da risposte appropriate da parte dei bambini con R/DSL. Nell’insieme, questi risultati documentano che durante la lettura congiunta le madri dei bambini con R/DSL utilizzano strategie di riparazione più supportive rispetto alle madri dei coetanei con sviluppo linguistico tipico, ma queste strategie sono funzionali a sollecitare la partecipazione appropriata dei bambini con R/DSL.
disturbo specifico del linguaggio, lettura congiunta, riparazioni materne
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/476607
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact