L’analisi dell’attività svolta dall’ADI e relativa all’anno 2009 conferma, sostanzialmente, un progressivo ricorso a tale forma assistenziale, che può essere ricondotta ad una maggiore espansione nei modelli organizzativi delle cure primarie. Permane, tuttavia, un’evidente disomogeneità tra le varie regioni, con notevoli differenze tra Nord e Sud. La variabilità delle diverse condizioni locali e la complessità organizzativa e gestionale in cui ci si trova ad operare impongono un impegno continuo delle ASL finalizzato alla qualità dei servizi per la protezione della fragilità.

Assistenza Domiciliare Integrata

TARDIVO, Stefano;COPPO, Claudio;LOSS, Rosanna;MANTOVANI, William;POLI, Albino;ROMANO, Gabriele
2011

Abstract

L’analisi dell’attività svolta dall’ADI e relativa all’anno 2009 conferma, sostanzialmente, un progressivo ricorso a tale forma assistenziale, che può essere ricondotta ad una maggiore espansione nei modelli organizzativi delle cure primarie. Permane, tuttavia, un’evidente disomogeneità tra le varie regioni, con notevoli differenze tra Nord e Sud. La variabilità delle diverse condizioni locali e la complessità organizzativa e gestionale in cui ci si trova ad operare impongono un impegno continuo delle ASL finalizzato alla qualità dei servizi per la protezione della fragilità.
9788890424441
Assistenza domiciliare Integrata
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/475962
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact