Se Walter Schulz cerca di comprendere il concetto di estasi del periodo berlinese sulla base dello scritto Erlanger Vorträge, Pareyson vede negli scritti del periodo berlinese un superamento delle aporie presenti nel concetto di estasi dello Erlanger Vorträge. Partendo dalla prospettiva di Pareyson in questo articolo si mette in crisi la consueta equazione che gli studiosi di Schelling hanno stabilito fra intuizione intellettuale ed estasi. Introducendo il concetto di estasi Schelling determina una precisa svolta rispetto alla tematica dell'intuizione intellettuale, aprendo la strada alla "Filosofia positiva". Ciò che dà il segnale del rovesciamento dalla filosofia negativa a quella positiva non è infatti la volontà del soggetto quanto la persona che nell'estasi si svuota kenoticamente dal progetto prometeico della modernità.

Die Persönlichkeit und der Wille als signal zur Umkehrung

CUSINATO, Guido
2006

Abstract

Se Walter Schulz cerca di comprendere il concetto di estasi del periodo berlinese sulla base dello scritto Erlanger Vorträge, Pareyson vede negli scritti del periodo berlinese un superamento delle aporie presenti nel concetto di estasi dello Erlanger Vorträge. Partendo dalla prospettiva di Pareyson in questo articolo si mette in crisi la consueta equazione che gli studiosi di Schelling hanno stabilito fra intuizione intellettuale ed estasi. Introducendo il concetto di estasi Schelling determina una precisa svolta rispetto alla tematica dell'intuizione intellettuale, aprendo la strada alla "Filosofia positiva". Ciò che dà il segnale del rovesciamento dalla filosofia negativa a quella positiva non è infatti la volontà del soggetto quanto la persona che nell'estasi si svuota kenoticamente dal progetto prometeico della modernità.
Schelling; Ekstase; Wille
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/473496
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact