"Filippo" (Alfieri), "Caio Gracco" (Monti), "Tieste" (Foscolo), "Il Conte di Carmagnola" e "Adelchi" (Manzoni) sono le tragedie esaminate nell'articolo: attraverso spogli metrici e schede retoriche il contributo analizza le principali realizzazioni prosodiche dell'endecasillabo tragico.

Metro e sintassi nell'endecasillabo tragico

ZANGRANDI, Alessandra
2003

Abstract

"Filippo" (Alfieri), "Caio Gracco" (Monti), "Tieste" (Foscolo), "Il Conte di Carmagnola" e "Adelchi" (Manzoni) sono le tragedie esaminate nell'articolo: attraverso spogli metrici e schede retoriche il contributo analizza le principali realizzazioni prosodiche dell'endecasillabo tragico.
tragedia italiana; endecasillabo nella tragedia italiana; spogli metrici
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/472568
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact