Appunti sullo stile dei "Trucioli" di Sbarbaro