Sull’antisindacalità del comunicato aziendale con cui si prospetta una serrata di ritorsione