Il Quintetto op. 57 di uno dei grandi compositori del Novecento viene proposto come esempio di invito al dialogo culturale e alla tolleranza: in esso un certo eclettismo diviene espressione di una forma di coerenza, quella del costante invito al dialogo culturale nella diversità. Nello stesso tempo vi si esprime un concetto di dignità umana che può manifestarsi anche attraverso lo spirito malinconico, come già aveva sostenuto, quasi due secoli prima, Immanuel Kant nelle sue “Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime”.

Sciostakovich e il Quintetto op. 57

ERLE, Giorgio
1995

Abstract

Il Quintetto op. 57 di uno dei grandi compositori del Novecento viene proposto come esempio di invito al dialogo culturale e alla tolleranza: in esso un certo eclettismo diviene espressione di una forma di coerenza, quella del costante invito al dialogo culturale nella diversità. Nello stesso tempo vi si esprime un concetto di dignità umana che può manifestarsi anche attraverso lo spirito malinconico, come già aveva sostenuto, quasi due secoli prima, Immanuel Kant nelle sue “Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime”.
Sciostakovich; Kant; coerenza; dialogo culturale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/431882
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact