Tragedia come apologo della crudeltà: il caso di “Orbecc-Oronte”