Unipatia ed espressività nel "Sympathiebuch" di Max Scheler