Dal “Piccolo mondo antico” al modernismo. Antonio Fogazzaro cent’anni dopo