Su alcune costruzioni “pseudorelative”