L’articolo traccia una panoramica su alcuni degli autori (Agota Kristof, Jorge Semprun, Nancy Huston, Leila Sebbar, Irene Némirovsky, Nata Minor, Michel Del Castillo, Ying Chen, Kim Thuy, Andreï Makine…) che hanno trovato nella lingua francese un rifugio al tormento dell’esilio, al dolore dell’esclusione e dell’incomprensione, mettendo in luce i complessi legami che esistono tra la lingua, la scrittura, la memoria e l’identità.

La neige et le lotus ou l’écriture de l’exil

GORRIS, Rosanna
2012

Abstract

L’articolo traccia una panoramica su alcuni degli autori (Agota Kristof, Jorge Semprun, Nancy Huston, Leila Sebbar, Irene Némirovsky, Nata Minor, Michel Del Castillo, Ying Chen, Kim Thuy, Andreï Makine…) che hanno trovato nella lingua francese un rifugio al tormento dell’esilio, al dolore dell’esclusione e dell’incomprensione, mettendo in luce i complessi legami che esistono tra la lingua, la scrittura, la memoria e l’identità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/417739
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact