Il saggio indaga alcune caratteristiche sociali ed economiche del mercato artistico a Verona tra Quattro e Cinquecento, mettendone in evidenza l'orizzonte locale e giustificando in tal modo, alla luce del carattere artigianale e tradizionale di molti comportamenti, l'assenza di una vera e propria storia dell'arte cittadina prima delle "Vite" di Vasari (1568), che, invece, saranno il primo testo a proporre un'ottica differente per gli artisti veronesi.

Alcune note per il mercato dell'arte a Verona fra Quattro e Cinquecento: la posizione dell'artista

ZAMPERINI, Alessandra
2011

Abstract

Il saggio indaga alcune caratteristiche sociali ed economiche del mercato artistico a Verona tra Quattro e Cinquecento, mettendone in evidenza l'orizzonte locale e giustificando in tal modo, alla luce del carattere artigianale e tradizionale di molti comportamenti, l'assenza di una vera e propria storia dell'arte cittadina prima delle "Vite" di Vasari (1568), che, invece, saranno il primo testo a proporre un'ottica differente per gli artisti veronesi.
Mercato dell'arte; Critica d'arte; Verona; Quattrocento; Cinquecento
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/391070
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact