Il contributo contiene alcune considerazioni sul rapporto tra comparazione giuridica e linguaggio giuridico dell’Unione europea, mettendo in evidenza la stretta relazione tra i due ambiti. L’elaborazione del linguaggio giuridico comunitario non è pensabile senza una precedente attività di comparazione; nel contempo, le scelte terminologiche e persino fraseologiche del linguaggio giuridico comunitario sono talvolta (e necessariamente) il frutto di scelte originali e volutamente slegate dai linguaggi giuridici nazionali. Ciò riflette la natura giuridica ibrida dell’UE, a metà tra organizzazione intergovernativa e imitazione di modelli federali.

Lingua, diritto e comparazione nel contesto europeo. Profili metodologici, tra opportunità e rischi

PALERMO, Francesco
2011

Abstract

Il contributo contiene alcune considerazioni sul rapporto tra comparazione giuridica e linguaggio giuridico dell’Unione europea, mettendo in evidenza la stretta relazione tra i due ambiti. L’elaborazione del linguaggio giuridico comunitario non è pensabile senza una precedente attività di comparazione; nel contempo, le scelte terminologiche e persino fraseologiche del linguaggio giuridico comunitario sono talvolta (e necessariamente) il frutto di scelte originali e volutamente slegate dai linguaggi giuridici nazionali. Ciò riflette la natura giuridica ibrida dell’UE, a metà tra organizzazione intergovernativa e imitazione di modelli federali.
Traduzione giuridica; Diritto europeo; Diritto comparato; Multilinguismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/390254
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact