Negli ultimi anni a livello internazionale si è assistito alla crescente diffusione di prodotti estranei all’ambito farmaceutico, pubblicizzati come integratori dietetici o prodotti naturali atti a migliorare il benessere psico-fisico, contenenti tuttavia sostanze illecite non dichiarate in etichetta. La commercializzazione di queste sostanze presenta una potenziale pericolosità per la salute pubblica, sia per la dichiarata «naturalità» dei prodotti commerciali che induce l’utilizzatore a sottostimarne gli eventuali effetti tossici, sia per la possibile interazione di tali composti con la terapia farmacologica eventualmente assunta in concomitanza. D’altra parte, l’estrema varietà dei principi attivi presenti in questi prodotti rende l’identificazione degli stessi estremamente difficile, anche a causa della mancanza di standard di riferimento. In questo ambito, la spettrometria di massa ad alta risoluzione (HRMS) ha contribuito significativamente allo sviluppo della ricerca incognita di composti di interesse, introducendo un nuovo criterio di identificazione molecolare basato sull’elevato potere discriminante della massa accurata, che, essendo direttamente calcolabile dalla formula chimica del composto, prescinde dalla necessità di disporre di standard puri e dalla necessità di frammentazione del composto. Nel presente lavoro, sono proposte e discusse applicazioni in questo ambito della spettrometria di massa ad alta risoluzione.

Ricerca di composti farmacologicamente attivi e potenzialmente pericolosi in prodotti di libero commercio impiegando la spettrometria di massa ad elevata risoluzione

GOTTARDO, Rossella;TAGLIARO, Franco
2010

Abstract

Negli ultimi anni a livello internazionale si è assistito alla crescente diffusione di prodotti estranei all’ambito farmaceutico, pubblicizzati come integratori dietetici o prodotti naturali atti a migliorare il benessere psico-fisico, contenenti tuttavia sostanze illecite non dichiarate in etichetta. La commercializzazione di queste sostanze presenta una potenziale pericolosità per la salute pubblica, sia per la dichiarata «naturalità» dei prodotti commerciali che induce l’utilizzatore a sottostimarne gli eventuali effetti tossici, sia per la possibile interazione di tali composti con la terapia farmacologica eventualmente assunta in concomitanza. D’altra parte, l’estrema varietà dei principi attivi presenti in questi prodotti rende l’identificazione degli stessi estremamente difficile, anche a causa della mancanza di standard di riferimento. In questo ambito, la spettrometria di massa ad alta risoluzione (HRMS) ha contribuito significativamente allo sviluppo della ricerca incognita di composti di interesse, introducendo un nuovo criterio di identificazione molecolare basato sull’elevato potere discriminante della massa accurata, che, essendo direttamente calcolabile dalla formula chimica del composto, prescinde dalla necessità di disporre di standard puri e dalla necessità di frammentazione del composto. Nel presente lavoro, sono proposte e discusse applicazioni in questo ambito della spettrometria di massa ad alta risoluzione.
smart drugs; spettrometria di massa ad elevata risoluzione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/390041
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact