Come mostrano Arendt, Irigaray e Kristeva, la lingua materna domanda la fatica della mediazione e la capacità di ascoltare ciò di cui resta solo una vaga memoria e che si fa sentire quando non si è più disposti a nascondere, nei discorsi e negli scritti, la finitezza di quello che si vive, e quando si accetta di mettere a rischio l’impianto della coerenza formale nel caso - quasi sicuro - che l’esperienza non rientri pienamente nel quadro prospettico scelto e urti contro la sua sistematicità.

La lingua materna come posizione simbolica tra le parole

VANTINI, Lucia
2011

Abstract

Come mostrano Arendt, Irigaray e Kristeva, la lingua materna domanda la fatica della mediazione e la capacità di ascoltare ciò di cui resta solo una vaga memoria e che si fa sentire quando non si è più disposti a nascondere, nei discorsi e negli scritti, la finitezza di quello che si vive, e quando si accetta di mettere a rischio l’impianto della coerenza formale nel caso - quasi sicuro - che l’esperienza non rientri pienamente nel quadro prospettico scelto e urti contro la sua sistematicità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/388307
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact