La lingua materna come posizione simbolica tra le parole