Sull’edizione Brunelli dell’epistolario di Metastasio. Osservazioni e addenda