“Sopravvivere alla cultura”: Benjamin e l’esperienza moderna