La logica di Thomas Hobbes e la tradizione aristotelica