Ungaretti e la morte di Dio. Una lettura di Solitudine