Le palinodie della bellezza: una lettura 'platonica' de La morte a Venezia