Tra visibilità e invisibilità: un posto per la sickscape nella medicina narrativa