La "riccio-grafia" di Eric Chevillard: una questione spinosa