L'articolo prende in considerazione il romanzo Lettres de Mistriss Henley per mostrare come l'esaltazione dell'imperfezione e l'uso dell'(in)compiutezza formale sia funzionale alla messa in discussione dei valori delle "gens établis" e alla rivendicazione implicita di un'individualità altrimenti negata.

« Je voudrois remettre les choses à leur place » : la scrittura (in)compiuta delle Lettres de Mistriss Henley (1784) di Isabelle de Charrière

PERAZZOLO, Paola
2009-01-01

Abstract

L'articolo prende in considerazione il romanzo Lettres de Mistriss Henley per mostrare come l'esaltazione dell'imperfezione e l'uso dell'(in)compiutezza formale sia funzionale alla messa in discussione dei valori delle "gens établis" e alla rivendicazione implicita di un'individualità altrimenti negata.
Letteratura francese; diciottesimo secolo; Isabelle de Charrière
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/338974
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact