Nelle culture tradizionali, l'immagine del ponte era un simbolo di unione mediante il quale veniva definita l'idea di un passaggio capace di connettere due contrapposte regioni dell'essere (terra/cielo; tempo/eternità, e così via). Nel nostro mondo attuale tale forma simbolica si è svuotata dei suoi significati originari. Le antitesi dei valori, che appartenevano al linguaggio metafisico, sono venute meno; le opposizioni appaiono, per lo più, sfocate ed imprecise. Tutto è già da sempre intrecciato e connesso in un avvolgimento inestricabile: al mito del ponte si sostituisce quello della rete.

Passaggi e transiti.

FRANCK, Giorgio
2009-01-01

Abstract

Nelle culture tradizionali, l'immagine del ponte era un simbolo di unione mediante il quale veniva definita l'idea di un passaggio capace di connettere due contrapposte regioni dell'essere (terra/cielo; tempo/eternità, e così via). Nel nostro mondo attuale tale forma simbolica si è svuotata dei suoi significati originari. Le antitesi dei valori, che appartenevano al linguaggio metafisico, sono venute meno; le opposizioni appaiono, per lo più, sfocate ed imprecise. Tutto è già da sempre intrecciato e connesso in un avvolgimento inestricabile: al mito del ponte si sostituisce quello della rete.
Ponte transiti passaggi Baudrillard
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/338758
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact