Luigi BLASUCCI, Leopardi e i segnali dell'infinito