I sonetti di Caproni: lingua e metro