Nei dintorni di "Myricae". Come muore una lingua poetica?