Il linguaggio figurato degli «Amorum Libri»