Ancora sul valore del richiamo al 'synallagma' in Labeone e in Aristone