L’episcopato lucchese tra Longobardi e Franchi